La Fortezza „Hohensalzburg“

Il più antico emblema della città di Salisburgo

La fortezza Hohensalzburg è il maniero meglio integralmente conservato di tutta l’Europa centrale ed è il più famoso emblema della città di Salisburgo; vi si svolgono numerose rappresentazioni culturali, come i Concerti sulla fortezza ed anche la Sommerakademie, Accademia d’arte che si tiene in estate. La fortezza si erge alta sulla città in cima al Festungsberg che è collegato a nord-ovest con il Mönchsberg e sovrasta a est il Nonnberg.

Cenni storici

Le fortezze Hohensalzburg, Hohenwerfen e Friesach sono state fatte costruire nel 1077 dall’Arcivescovo Gebhart di Salisburgo a causa delle lotte tra il Papa e l’imperatore per le nomine dei vescovi. Gebhart, che era un fedele Principe della Chiesa, voleva mettersi al sicuro da indebite violazioni ed è per questo che fece costruire le fortezze. In 900 anni, la fortezza Hohensalzburg non è mai stata espugnata.

La fortezza è stata utilizzata come rifugio anche dagli Arcivescovi che sono venuti dopo durante le altre guerre ed anche durante le rivolte dei contadini. È stato l’Arcivescovo Leonhard von Keutschach (1495-1519) a dare alla fortezza il suo attuale aspetto. Egli ne continuò la costruzione innalzando l’edificio di un piano e facendo edificare le torri. Tutta l’opera venne finanziata in gran parte dall’industria mineraria.

Gotico d’oro

A guardarla dall’esterno, la fortezza, si presenta come una costruzione asciutta ed essenziale, ma visitandone gli interni la musica cambia. Pitture e decorazioni intagliate in perfetto stile gotico adornano le due sale dette Goldenen Saal e la Goldene Stube. Il blasone „Rübenwappen“ dell’Arcivescovo Leonhard von Keutschach fa bella mostra di sé ovunque. Un organo, soprannominato „il toro di Saliburgo“ nella torre detta „Krautturm“ , ricorda le rivolte contadine: in quel periodo i contadini disperati assediarono la fortezza per far morire di fame l’Arcivescovo ed il suo seguito. Narra la leggenda che quando le riserve alimentari degli assediati cominciarono a scarseggiare si provvedesse a ridipingere di un colore diverso ogni giorno l’unico toro a disposizione e lo si mostrasse ai contadini in maniera che questi venissero indotti a pensare che le riserve alimentari dell’Arcivescovo fossero inesauribili. Pare che il piano abbia funzionato e furono i contadini a cedere per primi.

Per l’Arcivescovo Wolf Dietrich quei cinque anni trascorsi rinchiuso nella fortezza furono una fuga più che un rifugio: vi rimase fino alla morte. Gli successe il cugino Markus Sittikus . Partendo dall’Hotel Schaffenrath è possibile raggiungere la fortezza con i mezzi di trasporto pubblici in 10 minuti.

Facebook

Richiesta di disponibilità




0043 662 63900-0

Navigazione Scegli la lingua: DE EN IT ES FR

Navigare qui:

La Fortezza „Hohensalzburg“ : Il più antico emblema della città di Salisburgo
La Fortezza „Hohensalzburg“ : Il più antico emblema della città di Salisburgo

Garanzia miglior prezzo

Pernottamento a partire da € 108,- in camera matrimoniale con colazione, parcheggio nel garage e wlan.

all'insù
This website uses Cookies that are necessary for full use of the website. Detailed information about the use of Cookies on this website can be found in our data privacy policy. .
There, the use of Cookies can also be declined.
Accept